La casa del manoscritto maledetto – Il primo capitolo in anteprima

Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che...

Pandemie e pandemoni. Medioevo, covid, negazionisti e…

Negli ultimi tempi abbiamo visto tante persone accalcarsi sui balconi con le...

Le proposte per gli editori. I manoscritti ancora liberi da diritti

Ai direttori editoriali, agli editori e alle altre persone interessate...

La casa del manoscritto maledetto. Recensione su Letture Sale & Pepe

Il testo della recensione che pubblico molto volentieri: Questa è maestria!...

Scrivere un romanzo storico. Alcune riflessioni sparse – Seconda parte

Anche nel caso del romanzo storico vale il principio: “Scrivi di ciò...

Scrivere un romanzo storico. Alcune riflessioni sparse – Prima parte

Cari amici, in queste righe cercherò di mettere assieme, con un minimo di...

San Jacopo a Voltiggiano

Voltiggiano Montespertoli Monastero dei Delitti

Voltiggiano (Montespertoli). Chiesa di San Jacopo.

Voltiggiano è una piccola frazione situata nel comune di Montespertoli (FI). Riveste un ruolo importante nella trama del thriller Il Monastero dei delitti di Claudio Aita (Newton Compton).

L’attuale chiesa di San Jacopo si presenta come un edificio abbastanza anonimo dopo i pesanti rifacimenti di fine Ottocento. Comprende, oltra alla chiesa vera e propria, l’annessa struttura della Compagnia della Visitazione sul lato sinistro e la ex casa parrocchiale sul lato opposto.

In realtà, l’edificio vanta una lunga storia. La primitiva chiesa medioevale fu distrutta dai Ghibellini, insieme al Castello di Voltiggiano, dopo la battaglia di Montaperti (1260). La chiesa venne ricostruita nel XV secolo. Lo stato di degrado fu il motivo del pesante restauro del XIX secolo.

Le opere d’arte un tempo presenti nella chiesa di San Jacopo sono ora esposte nel Museo presso il santuario di Santa Verdiana a Castelfiorentino. La più conosciuta è la tavola con Madonna col Bambino tra i santi Giovanni evangelista, Giovanni Battista, Zanobi e Jacopo di Taddeo Gaddi (XIV secolo). Gli altri dipinti sono: tavola  Madonna col Bambino tra i santi Antonio abate, Lorenzo?, Pietro, Bartolomeo, di pittore toscano (1430-1435); tavola con Madonna del latte attribuita al Maestro della Madonna del 1399 (1390 circa); tavola raffigurante i Santi Macario e Sebastiano di Giuliano Castellani detto Il Sollazzino (XVI secolo). Nello stesso museo, proveniente però dalla Compagnia della Visitazione si può vedere la tavola con Visitazione tra i santi Jacopo e Stefano di Alesso di Benozzo (inizio XVI secolo), figlio del ben più famoso Benozzo.

Da diversi decenni la parrocchia di San Jacopo a Voltiggiano è stata soppressa e inglobata in quella di Santa Verdiana a Castelfiorentino.
Nel thriller Il Monastero dei delitti, viene citato tale padre Giobatta Battista Borlotti di Montespertoli, priore della chiesa di Voltiggiano. Si tratta di un personaggio storico vissuto a fine Settecento, così come è autentico il Libro di Notizie e Ricordi attenenti alla Chiesa Prioria di San Jacopo a Voltiggiano del 1768 anch’esso citato nel libro. L’originale è conservato, assieme a tutti i documenti della soppressa parrocchia, nell’archivio della Prepositura di Santa Verdiana a Castelfiorentino. Luogo dove si svolge un’altra scena del romanzo.