Martina Delpiccolo sul Messaggero Veneto del 04 aprile 2021 su “Il cjant des Aganis”

IL CJANT DES AGANIS È UN INVITO A RICERCARE LE PROPRIE RADICI È nata...

Su Audible l’audiolibro di La casa del manoscritto maledetto

Gli appassionati degli audiolibri possono trovare su Audible “La casa...

La casa del manoscritto maledetto – Il primo capitolo in anteprima

Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che...

Pandemie e pandemoni. Medioevo, covid, negazionisti e…

Negli ultimi tempi abbiamo visto tante persone accalcarsi sui balconi con le...

Le proposte per gli editori. I manoscritti ancora liberi da diritti

Ai direttori editoriali, agli editori e alle altre persone interessate...

La casa del manoscritto maledetto. Recensione su Letture Sale & Pepe

Il testo della recensione che pubblico molto volentieri: Questa è maestria!...

Blog

Libri sotto l’ombrellone – Consigli di lettura di Elisa Sergi, giornalista, conduttrice televisiva e blogger

Quest’estate quanti libri avete letto? Personalmente adoro leggere, specie quando mi trovo in vacanza, al mare sotto l’ombrellone in relax, ma quando si hanno figli, e credo che  ogni mamma può darmi ragione, è difficile ritagliarsi momenti del genere, da dedicare alla lettura. Vacanza e relax, quasi sempre non vanno di pari  passo, perciò leggere

LEARN MORE
Nel nome di Allah e di Salvini. Alcune riflessioni sulla Festa del Sacrificio

Dunque, ricapitoliamo. Salvini si dice nauseato per la quantità abnorme di animali sgozzati per la festa islamica di Id al-Kabir, o Festa del sacrificio, che ricorda il sacrificio, per l’appunto, di un montone da parte di Abramo al posto del figlio Ismaele, l’equivalente dell’Isacco nostrano (Corano XXVII, 107). In effetti, come dargli torto? Tutto quel

LEARN MORE
Sindone, media e preconcetti: ci risiamo?

Come molti di voi sapranno, sono molto affascinato dall’argomento Sindone, tanto che ne ho fatto un elemento centrale nella trama del mio libro “Le colline oscure”. Intendiamoci, sono un non credente (“mio malgrado”, direbbe Geremia Solaris) e che non si fa molte illusioni su una realtà che trascenda la nostra ben misera esistenza. Ma sono

LEARN MORE
Librerie, Firenze e la desertificazione. Il grande complotto
A Firenze, altre due librerie indipendenti stanno chiudendo. Altre seguiranno a breve. L’effetto dello sciagurato accordo Messaggerie-Feltrinelli, benedetto dall’Antitrust, sta facendo vedere tutti i suoi effetti. Le piccole librerie indipendenti, cui spesso è stato chiuso il conto, si trovano costrette ad acquistare il libri da grossisti con condizioni molto risicate e con maggiori costi di gestione rispetto alle catene. Per giunta, senza possibilità, quasi sempre, di pagamenti dilazionati (si paga in contrassegno o in contanti, insomma, libri che probabilmente non si venderanno mai. Puoi rendere i libri, è spesso vero, ma intanto i soldi glieli hai anticipati). Insomma non ce la possono fare.
Si può discutere se questa operazione di desertificazione del territorio voluto dai gruppi dominanti e ormai monopolisti sia intenzionale o no (per me si tratta di un progetto consapevolmente perseguito). Ma la realtà è davanti ai nostri occhi e Firenze non è altro che la cartina di tornasole di una situazione nazionale. Quella che era una capitale del libro, in pochi anni ha visto chiudere gran parte delle librerie. Le poche grandi rimaste (con l’unica eccezione della gloriosa Seeber, ora IBS+Libraccio) sono tutta roba loro… con quel che ne consegue, scarsa offerta di qualità e arroganza compresi.
LEARN MORE
Teodora. La figlia del Circo, di Mariangela Galatea Vaglio. La recensione

Devo confessare di non essere un grande amante dei romanzi storici propriamente detti, prediligendo, semmai, i thriller ambientati nel passato. Essendo uno storico, come formazione, quando desidero informarmi su di un determinato personaggio o sul suo contesto, preferisco affidarmi ai manuali o ai saggi di qualche studioso accreditato. C’è sempre una sorta di sospetto, di

LEARN MORE
Salone del Libro di Torino? Un’altra volta

Amici, causa impegni, non ci sarò al Salone del libro di Torino. La kermesse andrà tranquillamente avanti anche senza il sottoscritto. Il mio ultimo libro “Il monastero dei delitti”, invece, ci sarà. Vi invito, semmai, quando passate allo stand Newton Compton (Pad 2 stand J71) di chiedere informazioni sull’uscita del sequel. Sfogate pure la vostra

LEARN MORE
3 febbraio 2018 – Il Monastero dei Delitti Welcome Party a Firenze

Festeggiamo in libreria l’arrivo del thriller “Il Monastero dei Delitti” (Newton Compton) con l’autore Claudio Aita. Firma copie, musiche di Claudio Baldocci, letture e molto altro assieme a un bicchiere di prosecco e la pasticceria di Betta Albani. Serata noir (ma non troppo) assieme agli amici dell’Associazione culturale LiberPop e la madrina del libro Maria

LEARN MORE
Europa, un sogno naufragato sulle spiagge di Barcellona

Dispiace, e molto, vedere il ruolo di questa Europa che si affretta, senza esserne sollecitata, a ribadire che non accetterà nessuna richiesta di autodeterminazione che vada a scalfire l’integrità territoriale dello stato spagnolo (il minuscolo non è un refuso). Mi ricordo ancora le grandi speranze che i movimenti autonomistici (quelli seri, voglio dire, non le

LEARN MORE
Patria e matria. Lezioni di superficialità

Patria e Matria. Oddio, il solito tormentone gender che continua a spuntare fuori a sproposito, tanto per banalizzare qualsiasi cosa? O per dire a tutti i costi qualcosa in ossequio alle tendenze modaiole? Eppure, quel termine “matria” in gente come me fanno scattare una molla nel profondo, fanno riaffiorare concetti che vengono da lontano. E

LEARN MORE
Ann Cleeves. L’isola dei cadaveri

Devo confessare che quello che mi ha attirato del romanzo di Ann Cleeves, L’isola dei cadaveri, è stata la sua ambientazione estrema. La vicenda si svolge, infatti, nelle remote Shetland, un gruppo di isole a nord della Scozia. Una terra brulla e spoglia, senza alberi, continuamente battuta dal vento e dalle onde gelide del Mare

LEARN MORE
Dov’è la Vittoria? Storie di ordinaria idiozia

Un paio d’anni fa mi ritrovai a mandare a quel paese un parlamentare valdarnese che, commentando il 4 Novembre, anniversario della Vittoria, su facebook, aveva scritto di aver voluto presenziare a una commemorazione dei caduti della Grande Guerra perché essi “erano morti per la nostra libertà”. “Per la libertà di chi?” è stata la mia

LEARN MORE
Pseudobiblia: Firenze e il Necronomicon

Devo confessare che ho un debole per gli pseudobiblia (dal greco pseudobiblion) ovvero di quei testi mai scritti, ma che vengono citati come se fossero veri. Il più celebre è il Necronomicon, il libro maledetto creato dal genio di Howard Phillips Lovecraft. Io stesso ne ho fatto uso nei miei libri. Nel romanzo Le colline

LEARN MORE