La casa del manoscritto maledetto – Il primo capitolo in anteprima

Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che...

Pandemie e pandemoni. Medioevo, covid, negazionisti e…

Negli ultimi tempi abbiamo visto tante persone accalcarsi sui balconi con le...

Le proposte per gli editori. I manoscritti ancora liberi da diritti

Ai direttori editoriali, agli editori e alle altre persone interessate...

La casa del manoscritto maledetto. Recensione su Letture Sale & Pepe

Il testo della recensione che pubblico molto volentieri: Questa è maestria!...

Scrivere un romanzo storico. Alcune riflessioni sparse – Seconda parte

Anche nel caso del romanzo storico vale il principio: “Scrivi di ciò...

Scrivere un romanzo storico. Alcune riflessioni sparse – Prima parte

Cari amici, in queste righe cercherò di mettere assieme, con un minimo di...

Piazza dei Ciompi

Piazza dei Ciompi Il Monastero dei delitti

Piazza dei Ciompi. Veduta con la Loggia del Pesce

Piazza dei Ciompi è una piccola piazza aperta negli anni Trenta del ‘900, quando il comune decise di demolire alcune costruzioni e attualmente, dopo aver ospitato per diversi decenni il mercato delle pulci, in rifacimento. Negli anni Cinquanta, vi fu ricostruita la Loggia del Pesce, architettura di Giorgio Vasari che era ubicata nel Mercato Vecchio fino alle demolizioni ottocentesche e i cui frammenti erano custoditi nel museo di San Marco.

Piazza dei Ciompi commissariato di polizia. Il Monastero dei delitti

Piazza dei Ciompi. Commissariato di Polizia

Al numero 11, come testimonia una targa, abitò Lorenzo Ghiberti.  All’angolo con via Pietrapiana, un tabernacolo conserva una pittura murale raffigurante l’Annunciazione, di un ignoto pittore fiorentino della fine del Cinquecento.

Al numero civico 50 rosso ha sede il Commissariato di Polizia Firenze San Giovanni all’interno del quale è ambientato un capitolo del thriller Il Monastero dei Delitti di Claudio Aita (Newton Compton).